Tutto molto bello


di Paolo Ruffini. Con Paolo RuffiniFrank MatanoNina SenicarGianluca FubelliAhmed Hafiene Italia 2014

Giuseppe (Ruffini) è un agente di Equitalia pignolo e maniacale ed è in ospedale per stare vicino ad Anna (Chiara Francini), la ragazza che lui ha messo incinta quando era andato a fare un’ispezione nel negozio del padre di lei, Marcello (Paolo Calabresi), detto Monte Bianco per via della stazza e dell’abbondante forfora; quest’ultimo, frenato a stento dalla moglie Flaminia (Alessandra Schiavoni), odia il futuro genero perché, oltre ad aver messa incinta la figlia, gli ha fatto una multa salatissima. In clinica Giuseppe incontra Antonio (Matano), che fa sciocchi giochetti ai neonati e gli dice di essere anche lui in attesa della nascita del figlio Ciro. Giuseppe esce per andare a mangiare, Antonio gli si incolla accanto e lo porta in una squallida pizzeria dove sono servito da un cameriere laidissimo (Niccolò Senni) e disturbati dall’ insopportabile rocker Eros (Fubelli), sfegatato fan di Pupo. Quando Eros racconta del suo infelice amore per Katia (Chiara Gensini), Antonio trascina Giuseppe a casa della ragazza, sotto le cui finestre Eros canta una insensata serenata; Katia stava facendo l’amore con il suo psicopatico fidanzato Serafino (Angelo Pintus), che si affaccia e, armato di fucile, spara ai tre malcapitati. Poco dopo, di notte, dopo essere sfuggiti alla polizia (Eros si era messo alla guida senza avere la patente), arrivano in una bisca clandestina, gestita da Calogero ( cameo di Saverio Marconi) e qui Eros, entusiasta, incontra Pupo; nel locale arriva un emiro (Hafiene) che manda l’interprete Eva (Senicar) ad invitarli ad una festa. Al loro diniego, l’arabo li fa rapire e stordire. Quando si risvegliano Giuseppe è vestito da Beep Beep e Antonio da Heidi (Eros è già in maschera da rockstar di suo): l’emiro, infatti, organizza feste a tema, nelle quali i personaggi dei cartoni si sfidano (per finta) sul ring .Il Wile Coyote (Lallo Circosta) che si misura con Giuseppe è però un contribuente che lui ha rovinato e lo aggredisce sul serio; Giuseppe riesce ad avere la meglio ed a fuggire insieme ad Antonio – Eros rimane nella villa perchè, nel frattempo ha iniziato una relazione con Pippi Calzelunghe (Claudia Campolongo) – e, dopo un alterco, questi gli confessa che due anni prima il suo bambino non era nato, la sua donna di allora era partita e che lui va tutti giorni nella clinica per ritrovare il piccolo Ciro. Quando tutto sembra perduto, Eva li porta all’ospedale e lì Giuseppe decide di chiamare Ciro il proprio bambino appena nato.

Dopo il sorprendente successo di Fuga di cervelli la produzione Colorado e Ruffini hanno messo insieme, in fretta e furia, un secondo film; solo che il rimo aveva alla base un film spagnolo di grande successo con una bella dose di sana scorrettezza mentre la sceneggiatura di Tutto molto bello fa acqua da tutte le parti e la presenza di comici di punta di Colorado ( Pintus, “Scintilla” Fubelli) e di Stracult (Circosta) – le due trasmissioni condotte da Ruffini – non basta a rimettere in sesto uno script così confuso, così come risolvono poco un paio di spunti curiosi: Pupo che fa ironicamente se stesso e Saverio Marconi, il bambino di Padre padrone ora produttore e regista di musical, che torna ad apparire in una breve figurazione. Si salva invece l’ex divo di Youtube Frank Matano che dà prova di una bella capacità interpretativa.