Conferenza Stampa in Campidoglio: dichiarazione di Corviale Domani

dinamiteIl nostro obiettivo civile e politico è il ripristino a Corviale e nell’intera città dell’etica della responsabilità in politica e nell’Amministrazione.
Il blocco dei 42 milioni di euro per la ristrutturazione di Corviale delle giunte Alemanno-Polverini in un momento di crisi e di disoccupazione ha comportato per gli abitanti e per tutti i cittadini un danno finanziario che configura un reato civile, penale ed erariale.
Oggi la questione di Corviale passa dalla dinamite che lo voleva abbattere alla dinamite della questione politica di un territorio che inizia con la lotta e la progettazione la sua rinascita urbanistica, civile, economica e culturale a partire dal Forum che si terrà nel quartiere dal 21 al 23 novembre.

Elenco iniziative legali in corso riguardanti il complesso di Corviale:
1) ricorso al TAR Lazio mediante la proposizione di un’azione popolare;
2) denuncia alla Procura della Repubblica;
3) denuncia alla Procura regionale della Corte dei conti;
4) azione civile per chiedere all’ATER il risarcimenti dei danni subiti dagli inquilini di Corviale per l’omessa manutenzione dei beni e degli spazi comuni da parte dell’ATER.