Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ciao Principe Chiappa

image_pdfimage_print

È venuto a mancare Walter Rossi cittadino di Casetta Mattei. Nato e cresciuto nel quartiere, l’ha visto trasformarsi dalla sua fondazione negli anni 50 fino a oggi: una testimonianza storica che se ne va.

10443258_10204204656307454_5062159786857828074_o10495400_10204204656027447_342293263116328967_o

Conosciuto in tutto il quartiere con l’affettuoso titolo di “Principe Chiappa”, gli amici hanno scelto di salutarlo lì dove amava trascorrere le giornate: nella piazza del quartiere, dove poter parlare con la gente e trovare l’ispirazione per le sue poesie. Poeta di strada, i suoi versi in dialetto romanesco raccontano la vita nelle piazze di Roma con la schiettezza e la sensibilità di chi quelle strade le ha vissute in prima persona.

10505069_10204204657547485_6231504836420773292_o

Ma la sua penna era capace anche di riflettere sulla situazione politica e sociale dell’Italia con sguardo mai convenzionale e con ironia a volte graffiante ma sempre sincera. Spirito anarchico, anticonformista e ribelle, a Walter sarà certamente piaciuto vedere la gente scendere in piazza insieme, chiacchierare, suonare, leggere i suoi versi e accompagnarlo per l’ultima volta a fare un giro per il suo quartiere.

Piazza Navona
“Adesssso su sta piazza cè de tutto: e ragazzino bello! Eppure quello brutto, pittore intelligente, quello che nù capisce gennte, li preti e nà bicotta, li fji dè na mignotta. Ce so puttane, froci, quarche barbone, anche na decina de grandi lesbicone, cè nà signora cò la carrozina, un sordato, nà serva e nà strozzina”

Walter Rossi

 

One Response to Ciao Principe Chiappa

  1. paolo Rispondi

    4 settembre 2014 a 05:50

    ciao chiappa quanti ricordi quante ne abbiamo fatte a partire da pz navona il giro del lago di bracciano con la 2 cavalli le suonate con pino ai carnevali il mitico concerto di joan baz le uscite con le amiche giangi carolina quando venivo a casa tua a pranzo assaggiavo quegli appetitosi sottoaceti della sora bianca tua madre e il oreste er ceriola me diceva a fio de na mignotta ammazza come magni caro walter erano queste le cose belle della vita semplici ma vere ciao sei sempre con noi paolo carolina annita mario

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>